fbpx
TRASEMINA, CONCIMAZIONE ED ARIEGGIATURA

La fine dell’estate coincide di solito con la fine del periodo di riposo. Anche il tappeto erboso entra in una fase di “nuova vita” dopo le battaglie sostenute contro le avversità del clima estivo. L’abbassarsi progressivo delle temperature dell’atmosfera, la diminuzione del fotoperiodo e l’aumento dell’umidità atmosferica mattutina, rappresentano un vero e proprio toccasana per le piante del prato e nello stesso tempo consentono tutta una serie di operazioni volte a far riprendere tono, uniformità, densità e colore all’ erba.

PRATO SEMINATO CON MISCELA COUNTRY E MISCELA SHADOW. LINEA STAR SEED

Occorre programmarsi per mettere in atto le pratiche agronomiche necessarie per far riprendere quota al nostro spazio verde.

1 – Per prima cosa dobbiamo valutare l’uniformità del nostro tappeto erboso: patologie fungine, infestanti estive, quanto hanno lavorato durante il periodo caldo?

Se il tappeto erboso è infestato è il caso di pensare di effettuare  (ove la legge lo consente) dei diserbi selettivi per eliminare le malerbe infestanti. In seguito un’arieggiatura della superficie del prato servirà per eliminare i residui secchi ed il feltro accumulato. Ove non si possono eseguire diserbi selettivi, il verticut diventa un buon alleato per combattere le infestanti presenti: l’azione del taglio verticale debilita sicuramente gli ospiti indesiderati accelerandone la dipartita.

 2 – Approfittando degli spazi aperti dall’arieggiatore converrà eseguire una risemina per ripristinare le fallanze presenti:

Star Seed Overseeding (seme per prato conciato) e Blue Seed Rigenerazione sono i blend di Lolium perenne ideali per rendere l’operazione veloce ed efficace.

Star seed Country (seme per prato conciato) e Blue seed Riviera sono le miscele consigliate per le trasemine su prati esistenti di Festuca arundiancea

3 – Se il substrato radicale si è particolarmente compattato o è diventato asfittico durante la stagione calda il mese di settembre è il momento migliore per porre rimedio. Un’operazione di carotatura a di chiodatura fatta seguire all’arieggiatura (ed eventualmente poi dalla  trasemina) consentirà di rendere il terreno di coltivo nuovamente soffice senza infierire sulla qualità, sull’uniformità e sulla planarità del prato. L’operazione consente all’ossigeno ed all’acqua di penetrare correttamente nel terreno favorendo lo sviluppo dell’apparato radicale in profondità.

4- Quale occasione migliore per aumentare la fertilità e per  strutturare meglio il terreno? L’impiego di The Andersons Humic DG con acidi umici concentrati ha un’azione benefica sulla fertilità del suolo migliorando l’efficienza nutrizionale ed idrica del sistema prato.

5 – Occorre poi pensare al nutrimento: la ripartenza deve essere decisa ma non fuori controllo: l’impiego di concimi a lenta cessione con frazioni azotate protette sono l’ideale per far rivegetare in modo corretto il tappeto erboso.

 L’uso di The Andersons Fairways 24.0.11, di Nutriturf Race 20.5.10 velocizza lo sviluppo della porzione epigea delle piante senza dimenticare l’apparato radicale: in questo modo il recupero sarà veloce senza strappi di crescita indesiderati ed oltremodo pericolosi per lo sviluppo corretto del prato.

Settembre ci dona un sacco di opportunità per far decollare il nostro prato, non buttiamole al vento!